febbraio 11, 2011 | In: Italiani nel mondo, Politica

Visita in Sudamerica del Sottosegretario agli Esteri

Roma, 11 Febbraio 2011:  – L’on. Ricardo Merlo e la sen. Mirella Giai, rispettivamente Presidente e Coordinatrice America Latina del MAIE- Movimento Associativo Italiani all’estero, hanno rilasciato la seguente nota sulle dichiarazioni del Sottosegretario agli Esteri Mantica, in merito alla sua prossima visita in Sudamerica:
” A margine della sua presentazione della relazione di governo al Comitato di Presidenza del CGIE il sottosegretario Mantica ha rilasciato dichiarazioni che ci lasciano sconcertati. La prima delusione forte – ha spiegato l’on. Merlo – è venuta quando nella sua relazione ha tolto ogni speranza di vedere ridimensionati i pesanti tagli ai capitoli riguardanti gli italiani all’estero.

La seconda, non è stata tanto quella di sapere che la sua visita in Sudamerica riguarderà solo Uruguay, Paraguay e Cile (che potrebbe essere una scelta giusta per conoscere realtà meno frequentate dai politici-funzionari italiani), quanto conoscerne le discutibili motivazioni.Infatti – continuano i due parlamentari nella nota – il Sottosegretario, alla domanda del direttore dell’Italiano, Gianluigi Ferretti, su quali fossero le ragioni di questa scelta, ha risposto che “…In Argentina i rapporti bilaterali non sono buoni perché nessuno pare essersi preoccupato dei 40.000 italiani che hanno perso i loro risparmi a causa del default. E la comunità italiana non sembra essersi attivata per fare lobby allo scopo di contribuire a risolvere questo problema. Mentre in Brasile pesa la vicenda Battisti e anche qui sarebbe stato auspicabile una più forte presa di posizione da parte dei connazionali colà residenti.”(L’Italiano 7 Febbr. 2011). Continuano  i due parlamentari del MAIE  “…per questo Governo, di cui Mantica è espressione, gli italiani di Argentina e Brasile (stiamo parlando di più di un milione di cittadini alcuni dei quali, forse, neanche informati su queste vicende) devono essere puniti, o quantomeno ignorati, perché colpevoli di non fare lobbysmo, sia per difendere i risparmiatori colpiti dalla crisi dei bond, sia per chiedere l’ estradizione di Battisti dal Brasile. Non visitare Brasile e Argentina- hanno poi concluso Merlo e Giai-  dando la colpa al milione di italiani (e discendenti) residenti di non aver tenuto un determinato atteggiamento ci sembra un ragionamento quanto meno assurdo. Doveva essere compito di un Governo (o di vari governi, includendo i precedenti) risolvere questi problemi, e l’insuccesso nella soluzione di questi problemi è esclusivamente responsabilità loro.

On Ricardo Merlo - Sen Mirella Giai

E’ veramente difficile, per noi, credere alla giustificazione del Sottosegretario Mantica.E’ invece più ragionevole pensare che teme di doversi confrontare con quelle collettività che hanno subito maggiormente il peso dei tagli di bilancio. Come potrebbe affrontare quelle famiglie che si sono viste sospendere l’assistenza sociale, o che non hanno potuto far studiare la lingua italiana ai propri figli, perché le scuole non hanno potuto pagare gli insegnanti; o che hanno dovuto ricorrere chi sa dove per le cure agli anziani che sono stati esclusi dall’assistenza sanitaria ? In ogni caso, giustificare in quel modo la mancanza di attenzione verso le nostre più numerose collettività italiane in Sudamerica, mostra una caduta di stile, se non una mancanza di coraggio.
Ci sembra veramente assurdo affermare che noi italiani all’estero non siamo stati bravi a fare lobbysmo per aiutare un Governo a fare quello che non è stato in grado di fare nelle competenze che gli sono proprie. Questo sembra quasi come voler nascondersi dietro un dito.”  (Antonella Rega per Hgpress)

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x