maggio 26, 2011 | In: Italiani nel mondo, Politica

CGIE.Pascalis(MAIE Oceania)“Recuperiamo il confronto dialettico costruttivo”

Pascalis (Maie Oceania)
“La recente Assemblea plenaria del CGIE è stato un momento significativo e amaro al tempo stesso. “ Queste le dichiarazioni del Consigliere Francesco Pascalis, sull’ultima riunione del CGIE svoltasi a Torino la settimana scorsa.”Significativo per le ottime relazioni e gli spunti critici offerti dal dibattito sulle tematiche storiche della nostra emigrazione, un ottimo contributo per comprendere, alla luce delle celebrazioni del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia,  l’importanza della presenza italiana all’estero. Ma – ha poi aggiunto Pascalis che da qualche mese ricopre la carica di coordinatore del MAIE Oceania -  anche amaro perché, ancora una volta, ha evidenziato una totale chiusura del Governo nei confronti delle tematiche di settore.”

“La sensazione che ho provato –  continua Pascalis – è che se continuerà questa politica del “muro contro muro”, alla fine chi perderà non saranno tanto gli italiani all’estero, quanto, ahimè, il nostro Paese perché vedrà gradualmente scemare il sostegno,  diretto ed indiretto, di quel grande patrimonio di esperienze e di risorse umane e materiali costituito dai connazionali all’estero.”Francesco Pascalis, ha così concluso:” Credo che sia indispensabile recuperare un confronto dialettico costruttivo tra le parti ma certo, a questo recupero, pochissimo giova l’approccio governativo tendente a ridimensionare nel profondo, fino a snaturarlo completamente, il meccanismo della rappresentanza delle comunità all’estero, almeno per quanto riguarda Comites e CGIE. Tali livelli di rappresentanza devono certo essere riformati ma non nei termini del testo del sen. Tofani.”

Antonella Rega


 

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x