luglio 8, 2011 | In: Cultura e Arte

Sherwood Festival a Padova: martedì 12 luglio è la volta di Emir Kusturica and The No Smoking Orchestra

Uno dei maestri del cinema europeo, il grande regista balcanico Emir Kusturica, non rinuncia quest’anno al tour musicale con la sua band e si appresta a travolgere lo Sherwood Festival con la sua energia musicale. Il poliedrico regista di Sarajevo (è da poco uscito il suo romanzo “Dove sono in questa storia”) anche quest’anno non rinuncia alla sua tournée musicale, nonostante le nuove produzioni cinematografiche in cantiere (una pellicola su Pancho Villa e un film “Verdiana”, in occasione del bicentenario, nel 2013, del maestro del melodramma italiano). Porta così, sul palco di Sherwood Festival, la sua mescolanza di punk, turbo folk e rock, suonata con fisarmonica e sax, chitarra elettrica e balalaika, batteria e violino e soprattutto con un fiume travolgente di energia. Sul palco da oltre 20 anni, la Band di Kusturica rappresenta, insieme a quella di Goran Bregovic (visto a Sherwood nelle passate edizioni), il meglio della musica balcanica, Kusturica è un grande appassionato di musica e musicista lui stesso. Con i componenti della sua band – uno dei gruppi balcanici più noti e seguiti al mondo – ha realizzato le colonne sonore dei suoi ultimi film (da “Gatto Nero Gatto Bianco” a “La vita è un miracolo”). Nel 2001 ha diretto la pellicola “Super 8 Stories”, un documentario on the road che, di fatto, è una microstoria della famiglia Kusturica e di tutti coloro che suonano e vivono nella “No Smoking Orchestra”: pieno di materiale girato dietro le quinte, il film offre una visione inedita e divertente del lavoro dei musicanti in questione. In filigrana, invece, “Super 8 Stories” è il ritratto della Jugoslavia, un ex mondo al quale Kusturica non può mancare di alludere (rivediamo, in un contesto diverso, le immagini dei funerali di Tito, già usate nella celebre pellicola “Underground”). La produzione della No Smoking Orchestra fonde e mescola ritmi rock e tzigani, folk e punk, cogliendo le influenze tradizionali della musica jugoslava con strumenti tipici come i già citati fisarmonica e sax, chitarra elettrica e balalaika, batteria e violino, trombone e tastiere. E’ appena uscito il suo romanzo, “Dove sono in questa storia”, in cui l’artista racconta la sua rocambolesca esistenza e i mille progetti che lo vedono coinvolto nel cinema, nella musica, nella letteratura.
Il 12 luglio al festival padovano, la band guidata dal popolare regista riunirà sul palco l’intera storica formazione tra cui lo stesso Emir Kusturica (chitarra), il figlio Stribor (batteria) e Nenad Jankovic (voce solista). Il pubblico avrà la possibilità di riascoltare i brani storici del gruppo, ma anche i nuovi pezzi strumentali, tratti dalle ultime fatiche del regista e della No Smoking Orchestra. Lo spettacolo che la band balcanica riesce a generare è unico, ricco di passione, improvvisazione, vitalità ed energia.

Maila Nuccilli

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x