luglio 15, 2011 | In: Cultura e Arte

Roy Paci & Aretuska in arrivo a Venezia

Venezia – 15 luglio 2011 - Grande spettacolo e divertimento assicurato al Marghera Estate Village. Fa tappa al Parco Panorama il tour italiano di Roy Paci & Aretuska. Il grande spettacolo della band siciliana, in attività da poco meno di una quindicina d’anni, si terrà Lunedi 18 Luglio dalle ore 21.30, ingresso 12 € o 10 € se il biglietto è acquistato in prevendita fino al giorno prima direttamente al Village. Il rivoluzionario tour estivo europeo di Roy Paci & Aretuska è partito da piazza del Bastione di La Spezia il primo Maggio. Roy Paci & Aretuska tornano a calcare le piazze con un concerto rock, tirato e festaiolo, con cui ripercorreranno tredici anni di carriera. Le canzoni proposte saranno, oltre ai grandi successi raccolti nel “BESTiario siciliano”, anche i brani contenuti in “Latinista” ultimo album uscito nel 2010, nuovo capitolo della carriera del trombettista-compositore-cantante, con qualche incursione nel repertorio musicale combat-patchanka & more! Lo spirito LATINISTA si sentirà tutto, una sensibilità che già apparteneva al trombettista-cantante e che si è espressa ancor di più durante la pre-produzione dell’ultimo album, in Brasile, ovvero “nel luogo ove lo stimolo creativo si è innescato”. La full immersion in Sud America ha infatti senza alcun dubbio confermato il raggiungimento della maturità artistica del musicista, accompagnato dalla volontà di coltivare ancora sonorità lontane, alla ricerca di nuove ispirazioni e comuni aspirazioni che trovano nella dimensione live lo spazio giusto per esplodere.La marca stilistica del Revoluzionaretour di Roy Paci & Aretusca si denota quindi nell’apertura alla multiculturalità e nella consueta incredibile energia musicale. In quest’ottica, aficionados e non, vedranno anche l’atteso ritorno di Cico, storico MC italo-congolese di Roy Paci & Aretuska e la partecipazione di un guest molto speciale, Ekland Hasa, pianista albanese di fama internazionale che ha collaborato con Tiziano Ferro, Biagio Antonacci, Albano Carrisi, Goran Bregovic, e che ha eseguito la prima storica interpretazione della “Rapsodia in Blu” di G. Gershwin nel proprio Paese (a lungo probita dal regime).

Maila Nuccilli

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x