ottobre 28, 2011 | In: Politica

Approvato l’ottavo ‘Bando Bersani: 610 mila euro stanziati dal Comune di Venezia per sostenere lo sviluppo imprenditoriale

Venezia – 28 ottobre 2011 – Verranno assegnati anche quest’anno i contributi del Comune di Venezia per l’insediamento e lo sviluppo di attività imprenditoriali in aree di degrado urbano: è stato infatti approvato dalla Giunta il cosiddetto “Bando Bersani”, che assegnerà un totale di 610 mila euro a cinque progetti a “sostegno intensivo”, ossia a progetti maggiormente rilevanti per la Città dal punto di vista strategico-economico. Le risorse disponibili (recuperate dalle rate di finanziamento dei bandi precedenti e da residui del settimo bando, dovuti alla rinuncia o alla non attivazione dei progetti previsti) sono di minor entità rispetto allo scorso anno e l’Amministrazione ha scelto di destinarle al sostegno intensivo di piccole e micro imprese esistenti o di nuova costituzione. Questo perché, l’anno passato, si sono riscontrate maggiori difficoltà nell’attivare progetti a sostegno ordinario: vista l’eccezionalità della crisi che ha colpito diversi settori produttivi e commerciali, sono state numerose le rinunce al finanziamento assegnato e le difficoltà di attivazione del credito. Complessivamente non sono stati attuati 11 dei 35 progetti selezionati dal settimo bando Bersani. Le modalità di selezione sono le stesse degli anni passati e prevedono che le imprese debbano avere sede operativa, o impegnarsi ad averla, nelle aree delle Municipalità di Venezia Murano Burano, Lido Pellestrina e Marghera, oppure nella zona di Campalto e Altobello. Anche questa volta sarà data priorità alle imprese di nuova costituzione, all’imprenditoria giovanile e femminile, al ricambio generazionale, ad attività capaci di contrastare i fenomeni di desertificazione e degrado urbano, ad attività che devono essere rilocalizzate perché sotto sfratto o perché situate in aree urbanisticamente improprie, nonché ad attività che devono sostenere spese per interventi di adeguamento alla normativa di sicurezza dei luoghi di lavoro, dell’ambiente e del consumatore; infine, ad attività che coinvolgano enti di ricerca, fondazioni o università, e che prevedano investimenti economicamente rilevanti e da cui possa derivare nuova occupazione.
Saranno premiati cinque progetti che prevedono un investimento minimo di 300 mila euro. Le agevolazioni economiche saranno le seguenti: 150 mila euro al primo progetto in graduatoria, 140 mila al secondo, 120 mila al terzo, 110 al quarto, 90 mila al quinto. I progetti saranno selezionati in base alla sostenibilità del Piano degli investimenti. Il bando sarà pubblicato a breve sul sito:www.comune.venezia.it/attivitaproduttive.

Maila Nuccilli

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x