gennaio 18, 2012 | In: Economia e mondo produttivo, Scienze e tecnologia

SOPA PIPA, sciopero sul web contro la censura

Venezia, 18 gen 2012 - Due acronomi oscuri (in realtà significano Stop Online Piracy Act e Protect IP Act) per indicare due proposte di legge in USA contro la cosidetta pirateria di copyright su internet. La protesta sul web è veemente anche da parte di siti “istituzioni” quali Wikpedia o Wired magazine. Nessuno contesta il diritto di proteggere il copyright, ovviamente, mentre tantissimi criticano duramente le metodologie che queste proposte di legge vorrebbero seguire in caso di presunti “infringements” (per molti si tratterebbe invece di citazioni).
Difatti in queste proposte di legge si parla di creare “black lists” di siti da parte di una Authority e qualora motori di ricerca (come Google ad esempio) abbiano dei link verso questi siti, automaticamente debbano reindirizzare il visitatore verso altre risorse oppure bloccare e comunque non permettere transazioni economiche da e verso questi siti. Tutto questo senza una effettiva possibilità per i siti “bannati” di poterlo sapere congruamente in anticipo, in modo, per lo meno, di presentare ricorso nelle apposite sedi.
Sembra un ennesimo attacco dell’establishment contro la libertà di internet e sopratutto quella di stampa. Ma forse il fine ultimo perseguito potrebbe essere quello più realistico di stimolare un compromesso tra le “parti”.

Guido Rosei

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x