luglio 24, 2012 | In: Cultura e Arte, Sport

Nuovo libro di Antonella Stelitano “Le Olimpiadi all’ONU. Le Nazioni Unite e lo Sport: dall’embargo all’Olimpismo”.

Padova, 24 luglio 2012: – E’ appena stato pubblicato dalla casa editrice Cleup (Padova)  il  nuovo libro di Antonella Stelitano “Le Olimpiadi all’ONU. Le Nazioni Unite e lo Sport: dall’embargo all’Olimpismo”. Antonella Stelitano,  giornalista, si dedica da anni agli studi sul tema dello sport e delle relazioni internazionali, con particolare riferimento a sport, pace e diritti umani. Questa nuova iniziativa editoriale della brava giornalista veneta  ripercorre la storia dello sport alle Nazioni Unite, spiegando le ragioni che lo hanno portato a diventare strumento privilegiato nelle politiche di pace e sviluppo.
La pace, la mutua comprensione, il rispetto dei diritti umani  sono temi fondamentali che costituiscono i valori comuni sui quali si costruisce l’intesa tra le Nazioni Unite e il Comitato Olimpico Internazionale (CIO). Eppure lo sport non è nemmeno citato nella Carta istitutiva dell’ONU e,  solo negli anni ‘70, viene preso in considerazione come nuovo strumento di embargo e sanzione.
Da qui la necessità per la Stelitano di evidenziare quegli atti come il sostegno alla tregua olimpica, il riconoscimento dello status consultivo del CIO presso l’Assemblea Generale, l’ inserimento dello sport come strumenti fondamentali per il perseguimento degli obiettivi del Millennio delle Nazioni Unite.
La presentazione del libro è del vice presidente del CIO  Mario Pescante, del sottosegretario allo sport del Portogallo Alexander M. Mestre e del docente all’Università di Padova e membro del Tas di Losanna, J. Tognon.

Altre  pubblicazioni di Antonella Stelitano: Olimpiadi e Politica. Il CIO nel sistema delle Relazioni Internazionali (Forum Editrice, 2008); Sport, Unione Europea e Diritti Umani. Il fenomeno sportivo e le sue funzioni nelle normative comunitarie e internazionali (con Jacopo Tognon, Cleup, 2011); Pio X, lo sport e le Olimpiadi (con Quirino Bortolato e Alejandro Mario Dieguez, Editrice San Liberale, 2012).

 

Antonella Rega

 

 

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x