luglio 31, 2012 | In: Economia e mondo produttivo, Politica

Partita la campagna “Venezia è anche tua rispettala”: la mascotte è Leo

Venezia – 31 luglio 2012 – Toccherà a Leo, la neonata mascotte dell’Assessorato comunale al Commercio, educare e informare visitatori e residenti rispetto ad alcune buone pratiche necessarie per convivere nel tessuto unico, ma fragile del centro storico di Venezia. All’insegna del garbo e della simpatia, questo leoncino alato lancia un messaggio universale: “Venezia è anche tua, rispettala”. La campagna informativa e formativa è stata presentata oggi dall’assessore Carla Rey, con una conferenza stampa svoltasi a Ca’ Farsetti, e lanciata contemporaneamente con affissioni di poster e locandine negli spazi previsti in tutta la città: “Si tratta di un’iniziativa – ha spiegato Rey – che si inserisce nell’ambito del progetto ‘Viviamo la città’, filo rosso di tutte le azioni intraprese dall’Assessorato per migliorare la vivibilità urbana e il cui punto di forza è stato il coinvolgimento dei ragazzi dell’Istituto Tecnico Turistico Francesco Algarotti”. Nato nel 2010, il progetto ha infatti coinvolto una cinquantina di alunni di quarta e quinta, oltre a tre docenti e al dirigente scolastico, ai quali è stato chiesto di valutare quali fossero le buone norme da applicare per chi vive o visita Venezia. Successivamente i ragazzi hanno prodotto un questionario in diverse lingue per testare se, alle tematiche da loro individuate, fossero corrisposti bisogni reali: le  600 interviste raccolte tra residenti e turisti hanno confermato le loro osservazioni e fornito indicazioni utili sulle lingue in cui far tradurre i messaggi. “Si è arrivati così – ha continuato Rey – ad identificare dieci suggerimenti da seguire quando si circola in città, a cui i ragazzi hanno ritenuto essenziale affiancare la citazione del relativo regolamento sanzionatorio. Dalla condivisione di queste buone pratiche, con risorse tutte interne al Comune, abbiamo poi dato una forma al progetto”. Ne sono risultate 10 vignette in cui Leo, il protagonista, invita in modo accattivante, ma fermo, a non sporcare o imbrattare, dà indicazioni varie (dal pranzo al sacco all’abbigliamento, dai percorsi in caso di acqua alta ai divieti di dare da mangiare ai colombi, ad alimentare il commercio abusivo, o a disturbare la quiete pubblica) e invita a non bloccare la viabilità nelle calli o ad intasare i vaporetti. “Si tratta di temi sentiti particolarmente dai ragazzi – ha spiegato Rey – che danno un segnale importante, proprio perché forniscono il punto di vista di giovani cittadini che saranno gli operatori del turismo di domani.” Per il lancio della campagna sono stati prodotti per ora 600 poster che riportano tutte le 10 vignette e i relativi messaggi, tradotti in 7 lingue (italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, giapponese e russo), 400 locandine relative ad ogni singolo messaggio e 1500 opuscoli che contengono anche una piantina della città. La veste grafica è stata confezionata dal Centro di produzione multimediale del Comune; per quanto riguarda invece la distribuzione del materiale, poster e locandine saranno affissi negli appositi spazi di Vela, Actv, Avm e Veritas, mentre gli opuscoli verranno dati ai San Marco Guardian, come supporto per meglio fornire le informazioni richieste, e ai punti Vela e Actv. Le informazioni verranno date anche a bordo del vaporetto dell’arte.

Maila Nuccilli

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x