ottobre 30, 2012 | In: Italiani nel mondo, Politica

Il Documento programmatico approvato all’unanimità al Congresso del MAIE Europa

Martedì 30 Ottobre 2012: -Al termine del 1° Congresso Europa, celebratosi  a Verona il 27 ottobre, i dirigenti del Maie Europa hanno stilato un documento in cui hanno riaffermato i principi a cui si ispirano nella loro azione, che riportiamo integralmente a seguire:

I Dirigenti del Maie Europa, riuniti in Congresso a Verona il 27 ottobre, riaffermano che il MAIE:

- è un movimento culturale e politico, espressione delle associazioni italiane all’estero, assolutamente indipendente dai partiti politici italiani;
- la sua missione è la difesa e la valorizzazione degli italiani nel mondo;
- vuole preservare l’intero sistema di rappresentanza (Comites – Cgie – Parlamentari), grande conquista degli italiani nel mondo, naturalmente riformato e dotato dei mezzi necessari a svolgere le sue funzioni;
- si batterà, dentro e fuori il Parlamento, affinché non abbia mai più a succedere ciò che è accaduto a Zurigo con la nota vicenda degli anziani emigrati cha hanno “perso” tutto quanto avevano contato per una serena vecchiaia;
- è impegnato nella tutela del Sistema Italia, del  Made in Italy e del buon nome dell’Italia nel mondo.
- riconosce la grande importanza della diffusione della cultura italiana nel mondo;
- intende difendere i valori legati all’autenticità della cultura culinaria italiana attraverso la creazione di un board che tuteli e promuova il lavoro dei ristoratori che usano prodotti originali attenendosi alla tradizione gastronomica;
- auspica un’adeguata assistenza sociale ai connazionali in stato di necessità;
- vuole il potenziamento dei servizi consolari;
- si batte per una politica dell’informazione:
a) col ripristino immediato di Rai Internazionale, potenziata e messa alla pari con emittenti similari dei grandi paesi europei,
b) con l’impegno della RAI all’informazione di ritorno,
c) col coordinamento e l’agevolazione delle centinaia di giornali, cartacei e on-line, e stazioni radio e televisive in lingua italiana esistenti all’estero, ai quali si chiede sia commissionata la pubblicità istituzionale
- vuole che l’Italia addotti una politica culturale che:
a) agevoli la diffusione della lingua e cultura italiana nel mondo, attraverso il rafforzamento della Società Dante Alighieri e di istituti e associazioni similari con stessi obiettivi,  e la ristrutturazione degli Istituti di Cultura per renderli strumenti più efficaci,
b) aiuti concretamente le scuole italiane all’estero esistenti e favorisca la creazioni di nuove,
- propugna una politica economica attraverso:
a) l’aggregazione degli imprenditori italiani nel mondo,
b) il coordinamento delle Camere di Commercio e delle Associazioni di italiani e oriundi per agevolare i nostri operatori nei commerci,
- auspica che l’Italia proceda, di comune intesa con i rappresentanti delle categorie economiche, delle libere professioni, dei magistrati, dei parlamentari e degli uomini di Governo di origine italiana, a nuove e più vaste influenze ed accordi nei rapporti internazionali,
- chiede una maggiore attenzione alla nuova emigrazione, a partire da una adeguata politica di censimento del fenomeno,
- indica la necessità di una rinnovata visione degli strumenti di assistenza e supporto delle nuove ondate migratorie consapevole della necessità di un ripensamento delle strutture dedicate agli italiani nel mondo alla luce dei cambiamenti della società odierna.

Antonella Rega

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x