giugno 7, 2013 | In: Italiani nel mondo, Politica

Ricardo Merlo (MAIE): ” D’accordo con Berlusconi. Basta con il diktat del rigore. Si a braccio di ferro con la Merkel”

Roma, 7 Giugno 2103:-Ricardo Merlo, deputato eletto all’estero nella ripartizione America latina e presidente del MAIE, interviene su uno dei temi più caldi della discussione politica italiana: il regime di rigore, imposto da quei  paesi europei con economie che oggi hanno una congiuntura diversa dalla nostra,  che sta di fatto comprimendo l’economia italiana e mettendo in difficoltà la possibilità reale di un’uscita dalla crisi. “Queste  politiche che ci vengono imposte – ha spiegato Merlo – mettono in difficoltà e ritardano la ripresa della  nostra economia oltre a fare saltare i principi solidaristici alla base del progetto europeo. Credo che sia  arrivato il momento di mettere in atto politiche economiche di espansione, tornare a Keynes, lasciando per i periodi di espansione economica le politiche economiche dell’ ortodossia monetaria e  il rigore sostenuto dalla Merkel. Per questo concordo con Berlusconi sul fatto che l’Italia  debba  alzare la voce  se non vuole essere pregiudicata. Dobbiamo pensare meno agli interessi delle banche e più agli italiani. Alle famiglie,  ai lavoratori, agli imprenditori e soprattutto ai giovani disoccupati.

Il parlamentare del MAIE ha anche aggiunto:Quando Berlusconi parla di dare un ‘alternativa secca  alla Merkel  trova la mia piena condivisione. Continuare a rincorrere l’obiettivo della riduzione di deficit e  debito pubblico, ad ogni costo, rappresenta oggi per l’Italia un pericolo mortale. Letta deve prospettare alla cancelliera  Merkel che l’Europa ha bisogno di strade alternative  per uscire dalla crisi, perché altrimenti anche l’economia tedesca ne subirà le conseguenze.”

Antonella Rega

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x