ottobre 28, 2013 | In: Italiani nel mondo, Politica

Londra: Terzo Congresso del MAIE Europa

Londra, 28 ott 2013 – “Nessun partito è in grado di radunare così tanta gente un sabato pomeriggio a Londra (ma neppure in altri luoghi d’Europa) per discutere di politica per gli italiani nel mondo” – dichiara il Coordinatore del MAIE Europa, Gian Luigi Ferretti:”A dire la verità gli altri non ci provano nemmeno. Finite le elezioni vanno in letargo e si risvegliano solo alla vigilia di quelle successive”.

Nella Casa d’Italia S. Vincenzo Pallotti al 136 di Clerkenwell Road il MAIE Europa ha tenuto il suo Terzo Congresso in un anno di vita. A presiedere, oltre a Ferretti,  l’On. Ricardo Merlo, l’On. Mario Borghese e l’Arch. Luigi Billè, Coordinatore del MAIE in Gran Bretagna nonché Vice Coordinatore europeo.

Aprendo i lavori l’on. Ricardo Merlo ha raccontato come questo movimento, che fortemente si basa sulle associazioni degli italiani all’estero, si distingue da qualsiasi altro partito o movimento politico,  in quanto e’ nato all’estero, e non a Roma, fra gli italiani che vivono all’estero. Esso e’ pertanto l’unico strumento rappresentativo delle loro problematiche ed e’  capace di interpretarne le esigenze e di farsi portavoce delle loro necessita’. Il MAIE e’ nato in Sud America ma si sta fortificando molto velocemente anche in Europa e in Italia. In questo momento di grossa confusione e di grossa frammentazione e crisi politica  esistente fra i vari partiti politici italiani il Maie rimane un punto fermo di coesione politica. Secondo l’On. Merlo il grosso problema esistente fra gli eletti all’estero e’ l’assenza di unione. All’estero sono stati el etti in 18: 12 deputati e 6 senatori  ma invece di creare un gruppo per fare una politica comune nell’interesse degli  italiani all’estero sono tutti divisi e questo causa l’assenza di potere politico. Sinora gli unici che hanno dato voce in parlamento alle problematiche degli italiani all’estero sono stati gli eletti del MAIE. A questo proposito l’On. Merlo ha ricordato di avere lanciato su ItaliaChiamaItalia la settimana scorsa un appello agli eletti all’estero per unirsi: ‘Uniamoci altrimenti non esistiamo,  dobbiamo far parte necessariamente del comitato dei 40 ed avere un gruppo parlamentare altrimenti non abbiamo alcun potere’. Questo e’ lo spirito del Maie – ha continuato Merlo – la grande sfida e’ di avere peso  nella politica e nel potere reale in Italia. Pensate non e’ ancora stata approvata nessuna legge per gli italiani all’estero. Nell’agenda dei partiti politici romani gl i italia ni all’estero non sono presenti.  Invece, gli italiani all’estero rappresentano attraverso il Made in Italy una grande opportunità, ci sono imprenditori in tutto il mondo, nella cultura e nel sociale e bisogna mettere assieme questo “Sistema Italia“ in quanto rappresenta una grossa opportunità per il nostro paese.

L’On. Mario Borghese, Coordinatore Maie Mondiale per i giovani – ha raccontato della sua crescita avvenuta all’interno del movimento. Figlio di emigranti sin da ragazzo e’ stato coinvolto e vicino alle tematiche degli italiani all’estero. Il Maie e’ al momento l’unico partito capace di dare voce a queste  problematiche. Specialmente in questo periodo di grosso sfaldamento dei partiti italiani. Borghese ha anche parlato della sua proposta dell’assegno di solidarieta’.

Il Dott. Gian Luigi Ferretti, Coordinatore MAIE Europa, ha sottolineato il valore simbolico del Congresso MAIE a Londra proprio nel quartiere che e’ stato la prima Little Italy nel mondo. Londra e’ stata la meta della primissima emigrazione italiana agli inizi dell’ ’800. Ha ricordato che a 400 metri dal luogo del Congresso ha vissuto per la maggior parte della sua vita l’esule Giuseppe Mazzini, che si e’ prodigato per i connazionali emigrati, soprattutto prendendosi a cuore i bambini italiani, che vivevano in condizioni di grosse difficolta’. Per loro creo’ una scuola serale di italiano per mantenere viva la loro identita’ di italiani, si prodigo’ per la costrizione della chiesa di St. Peter, ancora oggi punto d’incontro della comunita’ e fondo’ un’associazione di lavoratori italiani.

Il Maie, allo stesso modo, si occupa degli italiani all’estero, ora come allora abbandonati a se stessi come hanno dimostrato anche recentemente fatti gravissimi come quello delle truffa ai pensionati italiani a Zurigo. Il MAIE e’ l’unico movimento capace di identificarne I problemi e di tutelarne gli interessi. La necessita’ del rinnovo delle modalita’ di voto all’estero e’ stata anche denunciata da Ferretti.

L’Arch. Luigi Billè, Coordinatore MAIE UK e vice coordinatore del MAIE Europa ha illustrato come il Maie sta crescendo e si sta velocemente fortificando sia a livello Europeo che nel Regno Unito. Londra e Stoccarda rappresentano i due poli principali per il numero di emigranti italiani. Gli italiani all’estero producono l’equivalente di ben 2 finanziarie italiane, oltre ad essere ambasciatori dei prodotti Made in Italy, favorendo l’aumento della domanda e la buona immagine del nostro paese contribuiscono anche fortemente alla sostanziosa voce economica del turismo di ritorno. Per questo la “politica romana” deve tener conto in modo privilegiato degli Italiani all’estero. Di fronte alla frammentazione politica dello scenario italiano il Maie e’ al momento l’unico movimento rappresentativo dei problemi di questa categoria speciale di italiani. Persone che ormai vivono lo spaesamento, causato dall’ essere r ealmente stranieri in paese straniero ma che allo stesso tempo sono ormai diventati diversi anche dagli italiani che vivono in Italia.

Sono poi intervenuti  ospiti e delegati.

L’Ing. Alberto Bertali   ha sottolineato l’importanza del CGIE come strumento di voce dei connazionali all’estero e quanto l’arch. Bille’ abbia sempre attivamente operato per coinvolgerlo in varie iniziative per la difesa dei problemi dei nostri emigranti.

L’ex Sottosegretario On. Luca Bellotti, Presidente Associazione Italiani per l’Italia, ha salutato apportando il suo contributo e entusiasmo congratulandosi dello svolgimento dei lavori del congresso e della grossa crescita del MAIE.

Anna Mastogiacomo di Stoccarda ha illustrato alcune iniziative che sta organizzando, il Coordinatore per la Spagna Franco Savoia ha spiegato il  grosso ruolo che gli italiani all’estero possono trovare all’interno del MAIE. il Coordinatore per la Catalogna Alberto Collet ha annunciato la creazione del blog MAIE EU e di come le informazioni possono essere facilmente essere divulgate attraverso i social media; Calogero Nicosia Coordinatore Lussemburgo ha salutato i presenti ed espletato la veloce crescita del MAIE in quel di Lussemburgo

Per il MAIE UK sono intervenuti:

Francesco Pesce sulla tematica medica e innovazione per creazione di programma di “Tech Transfer” per accelerare rapporti Universita’/Aziende attraverso supporto di Venture Capitalist e Angel nell’ottica di creazione di impresa intorno alle idee per una ripresa dell’economia a partire dai giovani e dall’innovazione nel MAIE.

Alberto Mangiameli sul ruolo degli italiani all’estero Gli italiani all’estero delle ultime generazioni hanno un profilo diverso da quelli degli inizi del secolo scorso; sono persone istruite con una laurea e spesso con dottorati di ricerca o Master in materie scientifiche/finanziarie) essi devono dare il loro contributo all’Italia in modo attivo, proponendosi come nuova classe dirigente per favorire il  cambiamento di cui l’Italia ha bisogno il MAIE offre questa possibilita’.

Tiziana Simonetti su apertura Canale youtube e le aziende, canale del Maie Europa dedicato ai giovani. Si amplierà il discorso con interviste ai delegati nazionali e di settore su variati temi politici, economici e sociali; youtube sarà sportello di informazione di come iscriversi all’AIRE e quali sono i conseguenti benefici. Si parlerà di tematiche sociali che hanno come obbiettivo i giovani e che interessano gli stessi e verranno evidenziati i progetti del Consolato a supporto dei giovani nell’imprenditoria e nel lavoro. Inoltre il Canale offrirà un punto di collegamento tra Italiani all’Estero, professionisti e imprenditori operanti nel mercato europeo.

Angela Fusco sulle problematiche donne italiane all’estero. Differenze culturali e sociali e la condizione di isolamento che spesso accompagna la maternita’ quando in un paese straniero non si ha il supporto della rete familiare. il Gender Equality Index, un indice composto che misura l’uguaglianza di genere, e vede in Italia le donne alla posizione piu’ bassa per i ruoli ricoperti in politica (18.6 contro il 35.2 nel Regno Unito) e’ totalmente ribaltato nel MAIE UK caratterizzato da una grossa rappresentanza femminile.

Giovanni D’Orsi su acquisizione certificati NVQ. Londra offre una incredibile e variegata gamma di corsi, di vario formato, opportunita’ continue di affinare le proprie conoscenze e meglio qualificarsi per un lavoro – o prepararsi ad un cambiamento professionale. Molti giovani che arrivano dall’Italia non ne sono a conoscenza il MAIE potrebbe essere lo strumento informativo e divulgativo di questi corsi.

Enzo Olivieri, Coordinatore per il Made in Italy, ha salutato ricordando la sua esperienza come candidato per le ultime elezioni e ha sottolineato il grosso lavoro da fare per la tutela del Made in Italy assieme al MAIE.

Il Coordinatore del MAIE UK ha poi annunciato la nomina di Maria Iacuzio, Coordinatrice e presentatrice del Congresso (a lei va il merito del successo dell’evento) e Responsabile della Comunicazione a Delegata Nazionale per Londra.

La delega per il Made in Italy e’ stata ribadita ad Enzo Olivieri aiutato dal nuovo delegato nominato per il Made in Italy Giovanni D’Orsi.

Alberto Mangiameli e’ stato nominato coordinatore di Programma.

L’ Assegnazione della  Delega per la scuola e’ andata a  Domenica Giorgio (Da quasi 20 anni dipendente del MPI Uff. Scolastico Regionale per la Puglia sede Bari. Responsabile concorsi a cattedre per i docenti della scuola secondaria, poi titolare per oltre 10 anni di azienda ristorativa da 1 anno a Londra, new entry del MAIE).

Precedentemente il Coordinatore europeo aveva annunciato la nomina di Piero Cappelli, imprenditore nel settore alimentare in Svizzera presente al Congresso,  a Coordinatore MAIE per il Cantone San Gallo.

Il congresso si e’ chiuso con i ringraziamenti del Presidente Merlo  ai presenti e al numeroso pubblico, mentre il Coordinatore europeo Gian Luigi Ferretti dava appuntamento a tutto per il Quarto Congresso  a Stoccarda organizzato da Anna Mastrogiacomo.

a cura di Antonella Rega

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x