luglio 24, 2014 | In: Italiani nel mondo, Politica

Il Sen. Zin (MAIE) soddisfatto del fallimento del ten­­­tativo di eliminare la circoscrizione estero

Roma, 24 Luglio 2014:- Ieri un gruppo di Senatori, guidati dal Senatore Minzolini (ex FI) alcuni Senatori del gruppo GAL (D’Anna) e qualcun’altro consueto assente, come il Senatore Giovanardi, hanno provato a far cadere  il collegio estero, con un’ azione di ostruzionismo e rallentando il voto degli emendamenti alla riforma costituzionale del Governo Renzi.  Presentando una serie di emendamenti che niente hanno a che fare con il voto dei rappresentanti della comunità italiana residente all’estero.

“Una decina di Senatori- ha spiegato il sen. Claudio Zin (MAIE) – senza rispetto alcuno per la storia della nostra comunità e con un’attitudine che può definirsi solo che sconsiderata, per guadagnare tempo, ostacolare quindi frenare il Governo, ha presentato irresponsabilmente degli emendamenti che hanno di fatto messo in serio pericolo il nostro diritto di voto.Alla fine  questo gruppo  scriteriato è stato piegato dall’assetto di tutta l’Aula, che compatta ha votato contro i suddetti emendamenti.”

Tra le ragioni presentate da molti Senatori contrari alla cancellazione del collegio estero il voto degli italiani all’estero e la rappresentanza parlamentare, considerati diritti inalienabili, cosa assolutamente logica oltre che legittima.

Le ragioni illustrate dai Senatori eletti all’estero nel momento più  acceso della discussione sono state indubbiamente decisive per far tendere la bilancia dell’Assemblea a favore del riconoscimento dei diritti della nostra comunità all’estero.

Il Senatore del MAIE, Claudio ZIN, si è detto quindi molto soddisfatto del fallimento di questo tentativo di eliminare la circoscrizione estero.

La Redazione

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x