novembre 4, 2015 | In: Cultura e Arte

Gli “Amici miei” non si scordano mai. Dopo 40 anni di nuovo in sala.

Roma, 4 nov 2015 - Torna in sala dopo 40 anni il cult-movie di Monicelli, Amici miei. Una storia non solo di amicizia profonda ma di un altrettanto profondo rispetto della vita vissuta tra un sorriso ed una smorfia amara, tra una buona azione ed una sana cattiveria. Una sceneggiatura geniale ed una storia che ha di allegro quello che basta per allontanare la morte, proprio come dicevano del grande Totò. I protagonisti sono dei mai invecchiati, dei mai saggi, dei mai arrivati, e per questo continuano a fare zingarate.

E dietro tutto questo la grandezza di un autore e regista come Mario Monicelli con il suo ghigno lucido e sprezzante, senza inutili fronzoli, attento ai particolari in una Firenze finalmente restituita come città “normale”, lontana dai turisdotti, e vicina alle vite dei suoi abitanti.
Il 16 e 17 novembre prossimi appuntamento quindi da non perdere.

Guido Rosei

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x