febbraio 4, 2016 | In: Italiani nel mondo, Politica

WALTER Petruzziello (MAIE-CURITIBA) Eletti PD Brasile, che confusione!

Nei giorni scorsi abbiamo letto sulla stampa, che i deputati eletti all’estero del PD hanno lanciato una petizione popolare per raccogliere firme a sostegno dell’idea di destinare i 300 euro della tassa consolare per le cittadinanze al potenziamento dei servizi consolari. Ma questi deputati non appartengono anche loro alla maggioranza? Proprio quella maggioranza che ha inventato questa tassa e che ha disposto che il denaro che ne deriva venga destinato a Roma e ad altro? E non sono forse gli stessi deputati che hanno votato sia la fiducia sulla legge di stabilità, che ha tagliato tutti i fondi per gli italiani all’estero?

Sembra che questi eletti  appartengano all’opposizione piuttosto che alla maggioranza. E allora,  se pensano che il loro partito sbaglia, se ne ricordino alla prossima fiducia. 
Inoltre, sulla stampa dedicata, leggiamo che il deputato eletto in America del Sud, Fabio Porta, ha dichiarato di aver presentato (sul sito ufficiale della Camera ancora non risulta) un’interrogazione ai ministri degli Aff ari este ri e dell’Interno perché intervengano, laddove ne sia appurata l’evidenza,  per contrastare fenomeni speculativi presenti intorno ai servizi consolari del Brasile.
Sembra infatti che Porta, navigando nel web, sia incappato “Su un sito di vendite online in Brasile (dove ndr)  è comparsa l’offerta di un appuntamento con il Consolato di Curitiba per il trattamento di pratiche di passaporto al modico prezzo di 69,99 reais”.(AISE 29/01/2016).
Quanto denunciato dal solerte deputato del PD è un fatto gravissimo, che prima di essere oggetto di un’interrogazione – peraltro da verificare che sia stata presentata –  avrebbe dovuto essere denunciata all’autorità giudiziaria competente, con nomi e cognomi di chi vende turni per pratiche di cittadinanza, perché sottintende che ci sia un mercat o illeci to organizzato con il coinvolgimento del consolato in oggetto.
Il MAIE Brasile sarebbe ben lieto di appoggiare e sostenere qualsiasi azione in questo senso.
Ma l’interrogazione/denuncia  di Porta, per certi aspetti, produce certa confusione gettando fango sulle attività del consolato in oggetto e su tutto il sistema consolare italiano che diventa oggetto di sospetto e subisce una significativa perdita di credibilità.

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x