maggio 31, 2017 | In: Italiani nel mondo, Politica

Elezioni anticipate? Merlo (MAIE): “Noi le vogliamo al più presto e sono convinto che vinceremo in Sud, Centro e Nord America.”

on. Ricardo Merlo

Intervista di Hg Press con il Presidente del Movimento Associativo Italiani all’estero, on. Ricardo Merlo.

Abbiamo incontrato in questi giorni il fondatore del MAIE, Ricardo Merlo, con una notevole esperienza parlamentare e grande conoscitore della realtà associativistica all’estero, per conoscere le sue opinioni su quest’accelerazione verso un voto anticipato in autunno. Non ci è parso preoccupato anzi sembra proprio che non veda l’ora di tornare alle urne.

 

On. Ricardo Merlo ma davvero – considerato lo scenario nazionale e internazionale – si può andare a elezioni politiche a tempo di record, come stanno sostenendo in molti nei diversi schieramenti?

Merlo: Noi pensiamo che si debba votare al  più presto. Questo è un governo che non ha nessun senso per l’Italia, né tanto meno per gli italiani all’estero. E’ un governo fotocopia, residuale, dopo la sconfitta referendaria di Renzi a dicembre. E’ necessario tornare alle urne il più presto possibile.

Ammesso e non concesso che vada in questo modo, come si sta muovendo il MAIE nell’organizzazione nel mondo? Sta costruendo accordi e alleanze?

Merlo: Prima di tutto noi abbiamo lavorato e siamo organizzati praticamente in tutte e 4 le ripartizioni estere e sono convinto che stravinceremo in Sud, Centro e Nord America.

I risultati dei sondaggi e dei focus group effettuati regolarmente e, intensificati nelle ultime settimane, ci consentono di affrontare con ottimismo le prossime sfide elettorali.

In Europa stiamo chiudendo un accordo elettorale. Sono anche convinto che in Australia faremo un’ottima elezione. In Italia molto probabilmente ci presenteremo alleati con una forza politica italiana. E, aggiungo, se le cose continuano ad andare a questa velocità, a breve ne daremo l’annuncio ufficiale.

On. Merlo, il MAIE è in parlamento dal 2008. Ha visto nascere e morire governi di centro destra, centro sinistra e tecnici: qual è la sua opinione,  il suo bilancio, sull’ esperienza nelle ultime legislature?

Merlo: Sia il centrodestra che il centrosinistra non hanno avuto una politica seria per gli italiani all’estero, anzi non ne hanno mai avuta alcuna. Tutta la partitocrazia romana tradizionale è stata una delusione per noi.
Abbiamo dovuto fare opposizione a tutti e due gli schieramenti politici che hanno realizzato politiche veramente pessime per gli italiani all’estero, a partire da Berlusconi/ Mantica fino a Renzi. Hanno penalizzato fortemente gli italiani all’estero e  continuano ad ignorarci.

Il MAIE non ha mai dato né darà la fiducia ad un Governo che danneggia gli italiani all’estero. L’unico modo che abbiamo per contrastare questo atteggiamento è chiedere agli italiani all’estero di far crescere il MAIE, una lista autonoma che, al di sopra tutto e di tutti, ha a cuore gli interessi degli italiani all’estero.

Invito a controllare tutti i voti di fiducia sia dei governi di centrodestra che di centrosinistra: tranne che quelle iniziali, con cui abbiamo dato la possibilità a ciascun governo di cominciare a lavorare, non  abbiamo mai dato la fiducia ad un governo, nemmeno  su leggi di stabilità, quando abbiamo capito che le sue politiche ci avrebbero danneggiato;  e l’abbiamo negata tutte le volte che si trattava di  dire SI o NO a un Governo che ci stava penalizzando.

Purtroppo in questa legislatura siamo stati discriminati: con l’IMU, con la tassazione di un diritto costituzionale,  la cittadinanza, con i tagli dei fondi per la cultura e la lingua italiana; con la distruzione della rete consolare, cosa già iniziata dal governo di centrodestra.

Il bilancio di questi due periodi, governati sia dal centrodestra che dal centrosinistra, è molto negativo per gli italiani all’estero. Questo è evidente a tutti. Per questo il MAIE  sta costruendo un’alternativa in tutte le 4 ripartizioni in cui gli italiani nel mondo sono divisi.

Qual è, alla luce di queste considerazioni, la sua visione per il futuro degli italiani all’estero?
Merlo: Io sono molto ottimista per quanto riguarda il futuro degli italiani all’estero: con la nuova legge elettorale e con una certa quantità di parlamentari eletti con la nostra lista in Sud America e nelle altre ripartizioni elettorali,  e in Italia, il MAIE farà pesare il proprio voto. Questo è l’unico linguaggio che capiscono i politici della partitocrazia romana, ed è l’unico modo per  ottenere qualcosa, perché abbiamo visto che con le buone intenzioni o con il dialogo, fino ad oggi, ci hanno solo preso in giro. (G.R.)

I commenti sono chiusi.

-->
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy
x